Perché l’ITIS?

Questa è una domanda che sicuramente tutti i ragazzi che hanno scelto, scelgono e sceglieranno di frequentare questa scuola si sono posti o si sono sentiti porre molte volte. Beh, adesso vi spiego perché scegliere l’ITIS.

I motivi possono essere vari:

  • innanzitutto il diploma che si ottiene alla fine dei cinque anni può offrirti buone possibilità lavorative, perché ogni anno varie aziende richiedono dei neo diplomati da poter assumere.
  • A differenza di un liceo ti offre la possibilità di scegliere se continuare gli studi all’università, o se entrare nel mondo del lavoro.
  • La scuola offre inoltre dei corsi per chi, dopo aver ottenuto la maturità, è ancora alla ricerca di un lavoro, in modo tale da essere sempre aggiornato.
  • Varie sono le specializzazioni e non è vero che sia una scuola esclusivamente per maschi, anzi ogni anno le ragazze sono sempre più numerose!
  • Viene offerta una preparazione sia teorica che pratica. Infatti sono presenti laboratori adibiti ai vari indirizzi, ma ne potrete trovare anche per il biennio, come quelli di disegno tecnico o di informatica.
  • Non è affatto vero che è una scuola per chi ha poca voglia di studiare (provate ad affrontare una settimana all’ITIS, e poi ne riparliamo!), è impegnativa, ma alla fine sarete orgogliosi di ciò che avrete ottenuto.
  • Secondo il nuovo regolamento, vi è la possibilità di interagire con il mondo del lavoro già a partire dalla terza, ovvero il primo anno di specializzazione, effettuando stage lavorativi sia durante l’anno scolastico, sia estivi.
  • La scuola offre la possibilità di recuperare le materie in cui non si riesce a raggiungere la sufficienza attraverso corsi di tutoraggio effettuati da noi studenti, o di sportelli pomeridiani con i professori.
  • Per ultimo, ma non perché meno importante, vi sono molti corsi extracurricolari, come quelli di inglese (PET, FIRST, ADVANCED), di teatro, di cinema, tornei di calcetto, di pallavolo, attività di scrittura creativa, questo Giornalino e molti altri.

Allora? Vi ho convinto? Spero di sì, e con questo auguro una buona scelta a tutti quanti!
Servadei Greta, 4^A Chimica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *